info@rotaryclubvelletri.it

Relazione programmatica 2019/20

Carissimi,
la relazione programmatica per il prossimo anno rotariano è stata da me illustrata, per grandi linee, nel corso di un direttivo congiunto tenutosi il 29 maggio u.s.; erano presenti i componenti della vecchia squadra e di quella nuova, erano presenti ovviamente il Presidente uscente e quello designato. Con Giulio e con Tiziano condividiamo l’idea che la ricerca di un’opportuna continuità nella leadership e nell’azione dei Presidenti che si succedono di anno in anno sia un metodo di lavoro da consolidare sempre più per assicurare continuità d’azione e visibilità al Club. Questa relazione vuole essere un documento aperto al contributo di idee e di proposte di quanti tra di noi sentano di far parte del club e di volerne far parte in modo attivo.
Per me è il secondo mandato, ho accettato la nomina davvero per spirito di servizio, farò tesoro dell’esperienza già maturata anche se so che questo non basterà. Sono passati 5 anni dal precedente incarico e per la velocità dei cambiamenti dei nostri giorni è un lasso di tempo veramente lungo. Tante cose sono cambiate, nella vita di ognuno di noi, nell’organizzazione del Rotary, nel Distretto, nel Club. Nel mio primo mandato eravamo sollecitati ad allargare la compagine alle donne e per quell’obiettivo ci siamo tutti impegnati. Oggi tra noi ci sono 4 socie che si stanno distinguendo per la loro voglia di fare e di partecipare attivamente alla vita del Club.
Da sempre tra di noi e negli incontri distrettuali abbiamo condiviso il convincimento che il mantenimento e l’allargamento dell’effettivo sia una sfida impegnativa. Noi tutti abbiamo sempre interpretato questa sfida non in termini quantitativi ma qualitativi indirizzando le nostre scelte verso persone che potessero condividere il nostro modo di essere e di agire e potessero perciò inserirsi facilmente nel Club. Dobbiamo continuare lungo questa linea. Dobbiamo stimolare in chi ci incontra e ci conosce la voglia di entrare a far parte del Rotary. L’obiettivo dell’anno è quello di un Club efficiente, capace di consolidare il suo ruolo di punto di riferimento per la promozione sociale e culturale della nostra Comunità e che dia prova di coesione e di amicizia rotariana, aperto alle giovani generazioni. E’un obiettivo ambizioso che si può raggiungere solo con la partecipazione e l’impegno di noi tutti. Nel concreto, nel prossimo anno rotariano verranno portati avanti alcuni progetti partiti negli anni passati, verranno confermate alcune attività tradizionali del Club, verranno avviate nuove iniziative.
AZIONE INTERNA
Resto convinto che debba essere sempre riservata la più grande attenzione al mantenimento e al rafforzamento dell’amicizia, allo sviluppo della conoscenza reciproca e della solidarietà tra i soci; al mantenimento di un clima sereno. Incontrarsi il venerdì deve essere una piacevole attesa. Sono, queste, condizioni essenziali per la vita e per il successo di ogni iniziativa del Club.
In questo ambito va confermata la centralità delle nostre conviviali come momento di aggregazione e di affiatamento ma anche di occasione per la crescita personale e professionale. Sarà, come sempre, riservata grande attenzione all’organizzazione delle conviviali con relatore.
All’informazione e alla formazione rotariana vorrei che fosse riservata la giusta attenzione; per questo esorto tutti a partecipare alle frequenti iniziative che il distretto organizza su varie tematiche. Ai soci più “anziani” chiedo di porsi come tutor nei confronti dei soci di più recente affiliazione.
Come sempre verrà prestata la dovuta attenzione ai costi perché essenziale per una gestione efficiente del Club.
Gli impegni finanziari del Club sono stati sempre onorati, grazie al contributo anche straordinario, di tutti i soci. Questa consapevolezza dà serenità a chi dirige il Club, consente di mantenere le tradizioni e le abitudini consolidate, mantiene alta l’assiduità, favorisce il mantenimento di un clima sereno nella vita del Club. Tutto ciò è essenziale in un anno, come quello che si sta avviando, in cui il Club è chiamato a celebrare degnamente il proprio trentennale.
Alla commissione per l’amministrazione del Club, il cui coordinamento ho affidato a Stefano Nappa, darò mandato per verificare l’opportunità di rivedere il nostro statuto e il regolamento interno per poter essere allineati alle migliori prassi e confrontarci con l’esperienza di altri Club anche nella prospettiva dell’adozione di una più formale veste associativa. Verrà valutata l’opportunità di stipulare una polizza assicurativa per la gestione dei rischi connessi all’amministrazione del Club e all’organizzazione di eventi.
Lo scorso anno è stato rivisto il sito WEB del Club. A Giulio Caporaso ho affidato il coordinamento della commissione per la gestione del sito e della comunicazione. Un maggiore utilizzo del sito web del Club, di quelli del Distretto e del RI è un’abitudine che dovremmo tutti acquisire per una maggiore circolarità e condivisione delle informazioni.
Sull’effettivo ho già detto. Ho affidato il coordinamento della commissione effettivo a Roberto Garcea, ma, come detto, vorrei che tutti ci sforzassimo per consolidare e rafforzare l’effettivo con un particolare orientamento verso il reclutamento di “giovani” attivi nelle classifiche non ancora coperte o non adeguatamente presenti nel Club. L’obiettivo ambizioso è quello di poter avere a fine anno un saldo positivo di più 2. Ho chiesto a Rolando Giorgi di occuparsi dell’organizzazione di alcuni eventi per favorire l’affiatamento e le occasioni di crescita culturale. Abbiamo già scambiato qualche idea, vanno definiti i dettagli.
Ho accolto con piacere la proposta di Stefano Nappa di organizzare, insieme al Prof. Giuseppe Sellari, una serie di incontri per affinare e consolidare la capacità di comprensione del linguaggio musicale attraverso l’ascolto di brani musicali anche non familiari a tutti.
AZIONE PROFESSIONALE
Vorrei che i temi dell’Etica, della Legalità, del Lavoro e della Scuola trovassero la giusta rilevanza nei nostri incontri con la condivisione delle esperienze personali e professionali dei soci e con il contributo di relatori provenienti dal mondo delle professioni e delle Istituzioni. Penso che il confronto con chi si occupa di dispersione scolastica, valorizzazione delle differenze, inclusione sociale potrebbe animare le nostre conviviali e credo che siano temi sui quali poter dare la nostra testimonianza nel confronto con l’esterno e gettare le basi per progetti di service.
Per l’inclusione sociale noi tutti sappiamo che già da anni il nostro Club fa tanto attraverso la “Scuola di alfabetizzazione per stranieri” intitolata al compianto socio che l’ha fondata Achille Scalercio. Negli ultimi anni se ne è occupato quasi a tempo pieno, Graziano Purgato. Qualche tempo fa ho chiesto a lui e ad Augusto Di Lazzaro se fosse ipotizzabile una diversa organizzazione e impostazione della scuola che potesse servire non solo a insegnare la nostra lingua a stranieri delle più diverse provenienze e culture ma anche a poter rilasciare loro un attestato utile a certificare il livello di apprendimento raggiunto. Augusto ha lavorato in questo senso mettendo a frutto l’esperienza maturata nella gestione della sua scuola di formazione e che può ora essere sede di esame per il rilascio di certificazioni; Graziano ha avviato contatti con il Comune per ricercare utili sinergie con le altre iniziative di volontariato nel settore e poter contare sulla disponibilità di altri insegnanti che potessero dare una mano a Graziano per coprire l’orario scolastico. Grazie al loro impegno e alla disponibilità dell’Assessorato alle politiche sociali questi obiettivi possono essere raggiunti, ampliando anche l’offerta del service del Club in questo ambito. Nel corso dell’anno vedremo in che modo formalizzare e rendere ufficiale il tutto e dare a questo progetto del Club la giusta pubblicità in spirito di servizio sul territorio e la giusta rilevanza in ambito rotariano.
AZIONE D’INTERESSE PUBBLICO
La Scuola
Per la scuola ho in mente di strutturare un progetto per promuovere la c.d. cittadinanza attiva e consapevole negli alunni di alcune classi. Penso, partendo da un’idea lanciatami qualche tempo fa dal Sindaco, a qualcosa del tipo “Come immagino la mia città fra 10 anni”. Per questo progetto come per quello della scuola di alfabetizzazione confido nell’aiuto e nel contributo di idee delle socie onorarie del Club che hanno o hanno avuto esperienza di insegnamento per gestire al meglio il tutto. con il loro aiuto cercheremo di strutturare un progetto interessante. La salute
Ho chiesto a Gianna Massi di tenere una conferenza sull’educazione alimentare da organizzare ovviamente dopo il lieto evento, ad alunni di primaria e secondaria così da mettere a disposizione le sue conoscenze e la sua professione di medico. Ho chiesto a Giorgio Corsetti di tenere una conferenza su un argomento che rientri nella sua specializzazione medica da tenere presso il centro anziani della città, contando anche sul supporto di Graziano che è segretario del centro.
Le altre attività e le fonti di finanziamento
La “carciofolata” è l’evento che caratterizza e distingue da tempo il nostro Club. Non è solo occasione per la raccolta di fondi ma anche per stringere e mantenere le relazioni con gli altri Club del Distretto e di fuori Distretto, con ospiti e invitati che si avvicinano al Rotary. E’ un evento che mantiene viva una tradizione antica del nostro territorio e avvicina il nostro Club alla città e alle sue Autorità. Confido anche per l’anno a venire, nella consueta e indispensabile collaborazione e disponibilità di Rolando Colonnelli e di Elisa per l’organizzazione e la buona riuscita dell’evento.
Lo scorso anno rotariano è stato organizzato nuovamente il “Carnevale dei bambini”, nato qualche anno fa dall’idea di Augusto e Cristina è stato ripresentato grazie alla volontà di Michela e Tiziano ed è stato un successo grazie alla collaborazione di tutti. Lo rifaremo, contando sull’impegno di Michela e Tiziano e sono certo che ci aiuterà a raccogliere fondi per finanziare le nostre attività. Riproporremo anche quest’anno il torneo di Golf voluto e organizzato ormai da qualche anno da Pierluigi e sono certo che sarà come sempre una bella iniziativa e un ottimo veicolo per la raccolta di fondi.
La commissione progetti, il cui coordinamento ho affidato a Bruno Mammucari, darà una mano alla realizzazione dei vari eventi per la raccolta fondi. Bruno stesso ha in mente un paio di iniziative tra teatro e musica che saranno certamente all’altezza di quelle precedenti e che daranno un contributo alla raccolta fondi.
Confido nella tradizionale disponibilità e intraprendenza delle nostre signore per l’organizzazione degli eventi di Club e per la raccolta. Le ringrazio fin da ora per la loro collaborazione.
Celebrazioni per i 30 anni del Club
E’ stata fissata la data di venerdì 8 novembre p.v. per la celebrazione di tale ricorrenza, essa coinciderà con la visita al Club del Governatore del Distretto 2080.
Sono in corso contatti con il Comune per poter posare in un’aiuola della città una targa commemorativa dell’evento. Grazie alla preziosa collaborazione e disponibilità del Sindaco si stanno definendo gli aspetti di dettaglio del progetto che sono curati da Alessandro Bertarelli. In quell’occasione verranno anche premiati i giovani che si saranno diplomati con il massimo dei voti nell’anno scolastico che sta per finire. Il premio, che nasce da una delibera dello scorso anno, consiste nel pagamento della quota associativa per un anno al nostro Rotaract e sarà assegnato ai giovani che manifesteranno il proprio interesse a fare quest’esperienza associativa. E’ un modo per avvicinare le giovani generazioni agli ideali del Rotary.
Leonardo Cantagallo, prossimo presidente del Rotaract, è già sul pezzo.
AZIONE INTERNAZIONALE
Credo che il modo migliore di perseguire tale via sia quella di essere presenti e di partecipare alle iniziative del Distretto in tale ambito e, in particolare, attraverso la contribuzione alla raccolta fondi per la RF e per il progetto “End polio”.
Lo scorso anno il Club non ha potuto partecipare alla “Maratona di Roma” ma qualcosa il Club aveva però già iniziato a raccogliere e vale come segnale della nostra voglia di fare. Giorgio ha promesso che l’anno prossimo ci sarà e tornerà a indossare il pettorale come maratoneta sponsorizzato dal RC Velletri.
AZIONE NUOVE GENERAZIONI
Ho già detto dell’iniziativa per avvicinare le eccellenze giovanili al nostro Rotaract anche nella prospettiva di assicurare il necessario ricambio di alcuni soci prossimi a uscire per limiti di età. Il nostro Rotaract dà testimonianza concreta con i suoi progetti di servizio degli ideali del Rotary, è una contagiosa fonte di entusiasmo e di voglia di fare, rappresenta il “vivaio” naturale per il futuro del nostro Club. Con Leonardo vedremo in che modo poter realizzare anche congiuntamente alcune iniziative. In questo senso il contributo di Pierluigi come referente della commissione giovani è fondamentale.